alluce valgo chirurgo ortopedico roma andrea scala

Paola B.

Sono stata operata all’alluce valgo e rigido del piede sinistro dal dr. Scala, al quale mi ero rivolta dietro indicazione del mio medico di famiglia.
È andato bene, l’assistenza è stata ottima e il dolore è stato contenuto dai sedativi.
Il decorso post operatorio è stato invece più lungo, doloroso ed impegnativo di quanto pensassi. Le dita del piede infatti si erano irrigidite, nonostante fossero stati svolti tutti gli esercizi prescritti nel protocollo post-operatorio.
Al primo controllo, il dr. Scala mi ha quindi affidato alle cure di una fisioterapista per mobilizzare le articolazioni del piede. Sono ritornata al lavoro dopo due mesi, mantenendo le sedute di fisioterapia e camminando molto. Dopo tre mesi il piede ha iniziato a gonfiarsi di meno, la zoppia si è ridotta di molto e ho potuto riprendere a guidare la macchina. Ho continuato a sottopormi alle sedute di fisioterapia e a camminare a lungo per mobilizzare del tutto l’alluce ancora un pò rigido.

Esteticamente il piede è bello e la forma ottenuta è armonica con il piede non operato. La cicatrice è morbida e liscia. Non posso che dirmi soddisfatta dell’intervento, che rifarei. Sarebbe tuttavia consigliabile una maggiore informazione del paziente sulla realtà e sulla lunghezza del decorso post operatorio, per una maggiore consapevolezza iniziale. In base alla mia esperienza, infine, consiglierei di iniziare le sedute di fisioterapia fin dal primo giorno dopo l’intervento e non dopo un mese.