Protesi Caviglia, intervista con una paziente

Impianto Protesi Caviglia, come va dopo 5 anni

Il filmato mostra una paziente operata di protesi della caviglia in occasione della visita di controllo annuale. Dopo 5 anni dall’impianto della protesi caviglia abbiamo voluto rivolgerle qualche domanda.

protesi-caviglia-impiantoAll’interno del filmato è possibile visionare le radiografie della protesi, viste di lato e frontalmente, nelle quali si evidenziano il caso clinico molto difficile, a causa della grave artrosi del piede, ma anche il perfetto allineamento della protesi di caviglia con la gamba e con il piede. Non si osserva infatti nessun tipo di rigetto da parte del corpo.

La paziente deambula normalmente, sale e scende le scale senza alcun sostegno e senza alcuna difficoltà.
Leggiamo quindi dalla paziente stessa quali sono le sue impressioni.

Signora Elisa, come sta?

Io al momento sto bene, grazie.

Quanti anni sono passati dal suo intervento di Protesi alla Caviglia?

A luglio (del 2015, NdR) sono stati 5 anni.

C’è una differenza delle sue condizioni tra prima dell’intervento e come sta adesso?

Oserei dire come il giorno e la notte.

Come stava prima, come si sentiva?

Prima, fisicamente era una cosa…molto difficile da sopportare, emotivamente lo era ancora di più.

E poi ha deciso di essere operata…

Si, ho deciso di fare un consulto, di chiedere appunto la possibilità di fare l’intervento perchè non riuscivo a sopportare più la presenza del dolore.

E dopo come sono andate le cose, ne è valsa la pena di fare questo intervento?

Si. Il periodo durante l’intervento è stato…diciamo tosto da affrontare, però oserei dire che adesso io ho vinto alla lotteria perchè quello che è il discorso del dolore, non so più cosa sia. Riuscendo ad avere una vita oserei dire normale.
Da prima, quando i miei figli mi chiedevano se si poteva anche solo fare una passeggiata e io dovevo rispondere…”non so se sono in grado”, ora invece mi posso permettere tranquillamente una giornata intera a fare una passeggiata con loro; godermi la famiglia non ha assolutamente prezzo.

È tornata sul suo posto di lavoro?

Si si si.

Di cosa si occupa?

Mi occupo della gestione di un negozio, movimentazione della merce all’interno di un punto vendita, quindi un impiego che richiede molto molto molto movimento.

È impegnata tutto il giorno?

Si, quasi tutto il giorno.

Affronta il suo lavoro normalmente?

Naturalmente, come prima invece mi richiedeva un grosso sforzo.

È costretta ad utilizzare per il suo lavoro pesanti scarpe antinfortunistiche?

Si, si…sono un pò…mmhh…vincolanti, anche se non è il termine adatto.

Riesce a tollerarle abbastanza bene?

Si si, direi di si.

Insomma dà una valutazione positiva…

Oh, più che positiva! Ripeto, ho vinto alla lotteria.

Grazie Signora Elisa.

Niente, ci mancherebbe.