Piede Poliomielitico

piede poliomielitico chirurgia del piede andrea scala

Il piede poliomielitico di Maria Cristina M.

Paziente di 48 anni con piede equino-varo-supinato. Poliomielite nel primo anno di vita. Trattata con allungamento del tendine d’Achille ed artrodesi della sottoastragalica a 8 anni.

Prima dell’intervento:

Deambula con la punta del piede e con appoggio esclusivo sulla testa del 5° metatarso a causa della grave inversione. Callosità molto dolorosa e ortesi plantare di difficile realizzazione.

Intervento chirurgico:

Allungamento del tendine d’Achille, osteotomia de-varizzante del calcagno (osteosintesi con due viti), resezione dell’impingement anteriore della tibio-tarsica.

A distanza di tempo:

Paziente con appoggio della pianta del piede al suolo. Scomparsa della callosità dolorosa sotto la testa del 5° metatarso. Piede atteggiato normalmente. Deambulazione normale.

piede poliomielitico chirurgia del piede andrea scala
Paziente di 48 anni, affetta da esiti di polio. Piede equino-varo-supinato.
piede poliomielitico chirurgia del piede andrea scala
Appoggio molto doloroso, prevalente sulla testa del 5° metatarso. Impossibile ottenere lo scarico della testa del 5° a causa dell’equinismo.
piede poliomielitico chirurgia del piede andrea scala
Dopo l’intervento la pianta ha ripreso contatto con il suolo (tenotomia t. d’Achille) ed il piede non è più varo (osteotomia del retropiede). Non esiste più l’ipercarico sulla testa del 5° metatarso.

[ARSocialShare id=1]